Anima Randagia

Per la tutela degli animali in Calabria

COSA FARE SE…. LEGGIAMO E IMPARIAMO

COSA FARE SE…. LEGGIAMO E IMPARIAMO….Dall’Associazione Anima Randagia di Catanzaro.

Vediamo di mettere in chiaro un pò di situazioni e di questioni che stanno a cuore a tutti noi e a Voi cittadini soprattutto.

Abbiamo ricreato una serie di “situazioni e circostanze” nelle quali ognuno di Voi potrebbe trovarsi.
Ecco quando, come e perchè CHIAMARE L’ASSOCIAZIONE!

1) RITROVAMENTO E/O AVVISTAMENTO CANE RANDAGIO/VAGANTE, COSA FARE?

– IPOTESI 1: Se l’animale è FERITO CARICARLO IN AUTO E PORTARLO IMMEDIATAMENTE DA UN VETERINARIO. Si perde solo del tempo, che potrebbe essere preziosissimo, scapicollandosi a cercare il numero di associazioni del luogo. L’omesso soccorso di un animale ferito è punibile dall’articolo 189 del codice della strada, modificato con la legge 120 di riforma ed inoltre oggetto di una circolare del ministero dell’Interno del 18 maggio 2011 rivolta a tutti gli organi di polizia stradale. Dopo aver ottemperato ai vostri obblighi civili e morali e non avendo possibilità di ospitarlo chiamate gli organi competenti. Vigili Urbani del Comune di residenza e il servizio veterinario della Asp territoriale. Se non avete intenzione di intervenire personalmente perchè magari vi crea fastidio caricare un animale in auto vale sempre lo stesso discorso – CHIAMARE I VIGILI URBANI che attiveranno immediatamente il servizio veterinario della Asp competente, sia che accada di giorno sia che accada di notte.
I Vigili Urbani e la Asp non intervengono? Recatevi presso un qualsiasi comando di Polizia o Carabinieri e sporgete denuncia per omissione di atti d’ufficio art. 328 codice penale. CHIAMATE L’ASSOCIAZIONE SOLO AD AVVENUTA DENUNCIA SE VOLETE SUPPORTO PER LA DENUNCIA STESSA! NON CI TIREREMO INDIETRO!
LE ASSOCIAZIONI FAREBBERO LA STESSA IDENTICA COSA PERCHE’ VI SFUGGE CHE ANCH’ESSE SONO FORMATE DA PERSONE/CITTADINI/ESSERI UMANI con le Vostre stesse possibilità.

– IPOTESI 2: L’animale non è ferito ma sta bene. E’ grasso, saltella, gioca, corre, Vi lecca le mani, Vi fa le feste. NON ANDATE IN PANICO!! Può essere un randagio accudito, un animale scappato a qualcuno (si può verificare la lettura del microchip presso qualsiasi veterinario GRATUITAMENTE! Se il veterinario dovesse chiederVi soldi per l’aver passato una macchinetta sotto l’orecchio di un cane allora rivolgetevi all’Ordine dei Medici Veterinari della Vostra città…sarebbe davvero una vergogna a cui tutti dovrebbero venire a conoscenza!), un animale che si è perso, o semplicemente un animale che si fa gli affari suoi, anche abituato ad uscire da solo e poi DA SOLO a tornare a casa. E’ completamente inutile scapicollarsi a qualsiasi ora del giorno e della notte cercando i numeri delle Associazioni di zona. Se avete la possibilità di ospitarlo a casa Vostra e prenderVi la responsabilità del ritrovamento allora fatelo, altrimenti date da mangiare e da bere, una bella carezza e lasciatelo in pace! Se l’animale STA BENE è inutile far intervenire il servizio di accalappiatura per farlo rinchiudere in una gabbia dalla quale forse non uscirà mai, come è inutile mantenerlo a vita in una struttura tramite le tasse CHE VOI STESSI PAGATE (non sapevate che i cani in canile sono mantenuti con i Vostri soldi? Ora ne siete a conoscenza). LE ASSOCIAZIONI FAREBBERO LA STESSA IDENTICA COSA PERCHE’ VI SFUGGE CHE ANCH’ESSE SONO FORMATE DA PERSONE/CITTADINI/ESSERI UMANI con le Vostre stesse possibilità.

– IPOTESI 3: L’animale è provvisto di collare e Vi da l’impressione che sia sempre vissuto in famiglia. Vale lo stesso discorso dell’ipotesi 2. Lo portate da un veterinario per controllare se ha il microchip, lo ospitate in casa Vostra, CHIAMATE A QUEL PUNTO LE ASSOCIAZIONI PER LA DIFFUSIONE in rete del ritrovamento, Vi prendete la responsabilità del cane fino all’arrivo del proprietario se esiste o dell’adozione se dovesse arrivare. Non potete fare queste semplici cose? E’ sempre inutile scapicollarsi a qualsiasi ora del giorno e della notte telefonando alle associazioni di zona, perchè VI SFUGGE CHE ANCH’ESSE SONO FORMATE DA PERSONE/CITTADINI/ESSERI UMANI con le Vostre stesse possibilità.

Non polemizziamo con il solito discorso “COSA CI SIETE A FARE” perchè a questo punto riceverete educatamente (poi dipende da chi risponde) l’appellativo di IGNORANTI e una LUNGHISSIMA SPIEGAZIONE sullo STATUTO che sancisce l’operato di un’Associazione di TUTELA animali. TUTELA non ACCALAPPIATURA, impariamo A MEMORIA questi bei termini.

2) RITROVAMENTO DI UN CANE SPROVVISTO DI MICROCHIP MA RISULTANTE AVERE UN PROPRIETARIO.
Questo è uno dei casi in cui chiamare l’ASSOCIAZIONE. Perchè? Semplice. L’Associazione è in grado di muoversi a tutela del cane stesso prima che venga restituito al presunto proprietario. Se il cane manifesta felicità nell’incontrare il proprietario ed essa è reciproca, ritenetevi fortunati! ANIMA RANDAGIA provvederà a consegnarVi il cane personalmente facendovi firmare un foglio con l’obbligo di inserire il microchip allo stesso entro 5 giorni dalla consegna, stessa copia verrà trasmessa alla Asp competente per territorio che aspetterà con ansia (insieme all’associazione stessa) lo scadere dei 5 giorni per ricevere il numero di microchip e la regolare iscrizione in anagrafe. Se ciò non dovesse avvenire ANIMA RANDAGIA provvederà a segnalare l’accaduto alla Asp competente per territorio che VERBALIZZERA’ al presunto proprietario una bella multa per “ASSENZA DI MICROCHIP” (obbligatorio per legge) E “MANCATA ISCRIZIONE IN ANAGRAFE CANINA” (obbligatoria per legge) e se non bastasse anche “OMESSA CUSTODIA E MALGOVERNO DI ANIMALE”. Nel caso in cui il proprietario dovesse tirarsi indietro al solo sentire la parola VERBALE, l’Associazione procederà direttamente con un piccolo e breve esposto presso la Procura della Repubblica per “ABBANDONO DI ANIMALE”. Credete non siamo in grado di procurarci prove che dimostrino la proprietà anche senza microchip? Vi consigliamo di eliminare questo pensiero dalla Vostra testa, perchè rimarrete sorpresi di quanto siamo in grado di fare.

3) RITROVAMENTO DI UN ANIMALE VAGANTE DOTATO DI MICROCHIP E ISCRIZIONE IN ANAGRAFE CANINA.
Miracolo!!! Un cane con microchip! A QUESTO PUNTO contattate l’Associazione dopo aver verificato ovviamente da un veterinario il ritrovamento di un cane con il microchip. ANIMA RANDAGIA in base alla situazioni di salute in cui versa l’animale avrà due opzioni: (credete forse che non riusciamo ancora dopo anni e anni a renderci conto di quanto tempo è stato in strada un animale con un proprietario? Credete forse che non riusciamo a capire se il proprietario tiene o no al suo cane? – Vi sbagliate anche in questo caso. Abbiamo davvero tantissime risorse a nostro favore, il tutto dettate dall’esperienza)

– OPZIONE 1: il cane E’ IN CONDIZIONI PIETOSE, pessimo stato di salute, malnutrito e altro. ANIMA RANDAGIA si informerà se esiste o meno la regolare denuncia di smarrimento/furto/fuga da cancello aperto/guinzaglio/amore primaverile/ecc.ecc. (le scuse sono tantissime!) che dovrà essere corredata da Verbale degli organi di sicurezza (polizia e/o carabinieri), verbale di comunicazione all’Anagrafe Canina della Asp competente per territorio. Se essa esiste siete stati fortunati!! Dopo aver segnalato noi il ritrovamento alla Asp Vi consegneremo personalmente in cane facendoVi firmare un bel foglio con tanto di obblighi a cui andrete incontro per averci solamente incontrato lungo la vostra strada. In seguito Vi recherete personalmente presso Polizia o carabinieri per denunciare il ritrovamento del cane e presso la Anagrafe canina per fare altrettanto.
Se la regolare denuncia di smarrimento/furto/fuga da cancello aperto/guinzaglio/amore primaverile/ecc.ecc. è assente… AHI AHI AHI AHI AHI. Saremo in grado anche con GROSSE DIFFICOLTA’ a tenere il cane per il tempo necessario al passare dei giorni obbligatori per la presentazione della denuncia di smarrimento (SONO 15 GIORNI!) allo scadere dei quali verrete denunciati per direttissima per “Abbandono di Animale”. Credete non ne siamo capaci? Tentar non nuoce.

– OPZIONE 2: Il cane è in buone condizioni di salute, è evidente che è scappato da poco (siamo in grado di accorgercene!) e manca ancora la denuncia di smarrimento/furto/fuga da cancello aperto/guinzaglio/amore primaverile/ecc.ecc. ANIMA RANDAGIA dopo aver segnalato il ritrovamento alla Asp Vi consegnerà personalmente il cane facendoVi firmare un bel foglio con tanto di obblighi a cui andrete incontro per averci solamente fatto perdere tempo.

4) TESTIMONI DEL MALTRATTAMENTO DI UN ANIMALE
E’ completamente INUTILE chiamare le Associazioni dopo aver assistito al maltrattamento di un animale! Sul serio…E’ VERAMENTE INUTILE! In quello stesso momento tirate fuori il Vostro Smartphone (che in questo caso SERVE!) e invece di procedere ad un selfie della Vostra faccia o del Vostro bel vestito di circostanza, e RIPRENDETE IMMEDIATAMENTE LA SCENA! Urlate contro il maltrattatore, bloccatelo, distraetelo, magari cantando una canzone o spogliandoVi e CHIAMATE IMMEDIATAMENTE IL 112/113/1515 o i Vigili Urbani del Comune in cui avviene il fatto. Avete le prove se lo Smartphone ha funzionato! Attendete il loro arrivo ed è fatta! Non intervengono? Bene, con il Vostro materiale recatevi presso il Comando dei Carabinieri o della Polizia o dei Vigili Urbani che Vi hanno dato picche e denunciateli per OMISSIONE DI ATTI D’UFFICIO (art. 328 c.p.). IN QUESTO CASO CHIAMATE L’ASSOCIAZIONE che rafforzerà la Vostra denuncia contro chi ha omesso e se conoscete il maltrattatore con il video in Vostro possesso procederemo ANCHE ANONIMAMENTE se avete timore di esporVi a presentare regolare esposto presso la Procura della Repubblica.

5) ANIMALI AVVELENATI
Per caso Vi ritrovate difronte ad un animale avvelenato? I sintomi per riconoscere un avvelenamento sono: CONVULSIONI, BAVA ALLA BOCCA, FORTI LAMENTI, SANGUE CHE FUORISCE SEMPRE DAL CAVO ORALE. Purtroppo ci sono troppe sostanze in commercio che vengono utilizzare per “uccidere” un animale: La stricnina agisce direttamente sul sistema nervoso centrale e di conseguenza sulla muscolatura, provocando una tipica rigidità caratterizzata da estensione degli arti, schiena incurvata, orecchie erette, rime labiali contratte all’indietro, pupille dilatate, cianosi delle mucose.
Il topicida, in genere, svolge un’azione anticoagulante. Il decesso dell’animale, in questo caso, avviene a causa di emorragie interne e non è immediato: pallore alle mucose, respirazione difficoltosa, stato di grave prostrazione, sono sintomi di questo tipo di avvelenamento.
Se l’animale non è in preda a convulsioni cercate di farlo VOMITARE. Se avete la possibilità infilategli due dita in gola oppure utilizzate acqua ossigenata. NON SOMMINISTRARE MAI DEL LATTE!
CARICATE IL CANE IN AUTO e scappate dal veterinario più vicino possibile! Ogni momento potrebbe essere prezioso!
Vi fa schifo caricare un animale in auto? A QUESTO PUNTO CHIAMATE IMMEDIATAMENTE i Vigili Urbani e il Servizio Veterinario della ASP territoriale! NESSUNO VI CALCOLA? Allora…CHIAMATE L’ASSOCIAZIONE SUL TERRITORIO! Ricordatevi però che per salvare l’animale non serve perdere tempo in telefonate…ma è INDISPENSABILE CORRERE DA UN VETERINARIO! A quel punto quando l’animale è in sicurezza allora potrete sbizzarrirvi con tutte le telefonate che vorrete.
Su questo argomento la normativa è chiara:
la fauna selvatica è protetta dallo Stato
è espressamente vietato diffondere veleni dalla legge sulla caccia (L.N. 157/92 art. 21, che prevede un’ammenda fino a € 1549,37) nonché dalle leggi sanitarie (art. 146 T.U. Leggi Sanitarie, che prevede la reclusione da sei mesi a tre anni e un’ammenda da € 51,65 fino a € 516,46)
contro il maltrattamento e l’uccisione di animali è in vigore la legge 189 del 2004.
Recentemente anche il Ministero della Salute ha prorogato l’Ordinanza concernente norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o bocconi avvelenati (GU Serie Generale n.51 del 3-3-2014).

Il Presidente
Francesca Console 329 40 92 406 – presidente@animarandagia.org
e i Volontari Tutti.
Associazione “Anima Randagia” Per la Tutela degli Animali in Calabria ONLUS